San Pietro in farde

San Pietro in farde

San Pietro quann’ è tutt’impimpinato
ch’antra figura fa! che pacioccone!
me pare de vedé ‘no scacchettone
li primi giorni che va a fà er sordato.

Poveraccio, se trova un po’ impacciato
co sto straccio de callo buscarone
je vann’a métte in testa quer pilone
ch’a momenti lo fa mori affogato!

Pari che dichi a chi lo va a bacià
«Sbrigamese, regazzi, ce vò tanto,
che ve, rode? c’è poco da guardà»!

Ve pijerebbe l’estro, sor Loreto,
mettemo caso lui non fussi un santo,
d’annaje a di: «Paranza, giù quer deto»!

Giggi Zanazzo
Sagrestia di S.. Pietro, 28 giugno 1876
Da: Vox populi

Note [GO]
Titolo [VS]Altrove ho trovato come titolo “San Pietro in lorde”.[VS]
Titolo. In farde = In vestito di gala.
Verso 3. Scacchettone = coscritto.
Verso 6. Callo buscarone = Caldo buscherone, buggerone.

GLOSSARIO

Callo buscarone
Caldo buscherone, buggerone, tremendo.
Zanazzo, San Pietro in farde: “Poveraccio, se trova un po’ impacciato / co sto straccio de callo buscarone / je vann’a métte in testa quer pilone”

Impimpinato
Acconciato. Azzimato.
T1-0114, A la Torfetana: “d’èsse vienuta a Rroma da la Torfa / pe ffà l’impimpinata e la prezziosa? / Eh bbella fijja, sete voi la sposa?”
T1-0369, Er marito stufo: “te vorebbe lavà ssenza lesscia / cuer cucuzzone sempre impimpinato. // Oh ttiramola via sta carrozzetta:”
T2-1486. La sposa ricca: “la pidocchia-arifatta, eh Furtunata, / come se n’è vvenuta impimpinata / guasi nun fussi mojje d’un artista?”
Zanazzo, San Pietro in farde: “San Pietro in farde /// San Pietro quann’ è tutt’impimpinato / ch’antra figura fa! che pacioccone!”

In farde
In vestito di gala.
T2-1519, Er zeporcro in capo-lista: “bbisoggna annà a Ppalazzo, e avé l’onore / d’èsse in farde e dd’entrà a la Pavolina. // Che pparadis’in terra! che sprennore!”
T2-2052, L’incontro der ladro: “der friggitore Ambroscio er panzanera». // «Marciava in farde?» «Nò, cco ‘na casacca». / «E cche ffaccia t’aveva?» «Uhm, brutta scera».”
Zanazzo, San Pietro in farde: “San Pietro in farde /// San Pietro quann’ è tutt’impimpinato”

Pacioccone
Uomo di pasta eccellente, trattabilissimo [Belli]. Pacioccone, pacioccona, sono «uomo o donna per lo più alquanto pingui e di carattere pacifico». Paciòcco poi dicesi anche come aggiunta carezzevole [Belli]. Paciocca: donna giovane, bella e grassetta. Una donna pacifica è una pacioccona [Belli].
T2-1906, Er marito pascioccone: “Er marito pascioccone /// Sí mme vò bbene?! povero Cammillo!”
T2-2176, Er papa pascioccone: “Er papa pascioccone /// Ma cche bbon papa, eh? mma cche animella!”
T1-0630, La fiandra: “La fiandra /// No, ppascioccona, io nun zò ttanto sscioto: / lo capisco ch’edè ttutta sta fiacca:”
Zanazzo, San Pietro in farde: “San Pietro quann’ è tutt’impimpinato / ch’antra figura fa! che pacioccone! / me pare de vedé ‘no scacchettone”

Paranza
a) Barca da pesca che naviga in coppia con una barca gemella. Dal lat. par. paris (coppia, paio). [Belli]: Paranze o paranzelle: barche da pesca. || T2-1847, L’immassciata bbuffa: “È vvenut’uno co ddu’ bbaffi neri / longhi come du’ remi de paranze: / disce: «Sò ir cacciator di munzù Ffranze”
b) Amico intimo, compagnia abituale, quale estensione dell’originario significato di barca. Fà paranza = Fare comunella, stringere amicizia.
Amico, compagno, sozio, ma in senso ironico [Fefè].
Zanazzo, San Pietro in farde: “mettemo caso lui non fussi un santo, / d’annaje a di: «Paranza, giù quer deto»!”
Muñoz, L’Arca de Noè, Er diluvio: “Acqua pe’ strada, in cammera, in cantina. // Quante barche e paranze furno trove, / O artri bastimenti de marina,”

Scacchettone
Coscritto.
“ch’antra figura fa! che pacioccone! / me pare de vedé ‘no scacchettone / li primi giorni che va a fà er sordato.”

Annunci

2 pensieri su “San Pietro in farde

I commenti sono chiusi.