San Pietro in farde

San Pietro in farde San Pietro quann' è tutt'impimpinato ch'antra figura fa! che pacioccone! me pare de vedé 'no scacchettone li primi giorni che va a fà er sordato. Poveraccio, se trova un po' impacciato co sto straccio de callo buscarone je vann'a métte in testa quer pilone ch'a momenti lo fa mori affogato! Pari … Leggi tutto San Pietro in farde

Annunci

All’Avvocato Filippo Ricci Balùcola rinfronzita e peggio

All'Avvocato Filippo Ricci Balùcola rinfronzita e peggio Ardon le lampade E i candelieri Al santo Apostolo Filippo Neri. Di salmi e d'organi Suona la chiesa, E il pio cenacolo Non bada a spesa. Ondate sboccano Di cenci e gale Da tutti i vicoli Di via papale. Frammiste a nobili Facce plebee Tra cocchi e polvere … Leggi tutto All’Avvocato Filippo Ricci Balùcola rinfronzita e peggio

A Jacopo Ferretti

A Jacopo Ferretti Ser Jacopo, mal va: duolmi la testa, Ho un chiodo in un orecchio, ho il naso enfiato, E su questo giaciglio abborracciato Scricchiolan l'ossa mie come una cesta. Mostro la faccia imbalordita e mesta E mi beffan lo stomaco e il palato; Insomma, dio mercè, son fortunato Quanto i pollastri d'una casa … Leggi tutto A Jacopo Ferretti

Er coruccio ar cacatóre

Er coruccio ar cacatóre Tu ddichi che ssó io ch'ho ffatt'er torto? Sei stato tu ch'hai fatt'e' rrifardito, bbrutto bastardo, và mmorì ammaìto! pare quasi che mme vôi véde morto! Mettémo 'n po' er coruccio ar cacatóre, ce fò 'na croce sopra e ccosì ssia! Cià ssenzo dì la corpa è ttua o mmia? Nu' … Leggi tutto Er coruccio ar cacatóre

Il saggio del marchesino Eufemio

Il saggio del marchesino Eufemio A dì trenta settembre il marchesino, D'alto ingegno perchè d'alto lignaggio, Diè nel castello avito il suo gran saggio Di toscan, di francese e di latino. Ritto all'ombra feudal d'un baldacchino, Con ferma voce e signoril coraggio. Senza libri provò che paggio e maggio Scrivonsi con due g come cugino. … Leggi tutto Il saggio del marchesino Eufemio

Biglietto di gentil donna

Biglietto di gentil donna Carro Signior Guseppe Govacino. Cassa adì 26. Mi facco arrdita Man dargli la mia dona Margerita La tricie dell' presete bigletino Per dirgli che mio sociero linvita Sè per domani all' gorno all' suo gardino Che s'apre il gocolissco onde un pocino Dì vertirsi hà gocare una parrtita. Doppo si gofierano … Leggi tutto Biglietto di gentil donna